lunedì 28 gennaio 2013

Panini al latte


Quando ero piccola ogni tanto si andava a Monza con mamma. Era una festa! mi piaceva un sacco andare in giro con lei... A parte qualche negozio, non ce n'erano certo tanti come adesso, ( qualcuno se li ricorda? c'era l'Upim. il Tessilmaglia, Cereda...), c'era un piccolo panificio nella piazzetta dove c'era l'Upim, che faceva un pane al latte favoloso. Ne compravamo un pezzone grande, era fatto da tanti bocconcini attaccati l'uno all'altro, così bastava per merenda e per il dopocena con papà e magari anche qualcosa per il giorno dopo... Piaceva a tutti e anche quando sono diventata ben più grande, ho sempre continuato a prenderlo quando mi capitava di passare. Era davvero buonissimo, non riuscivi a smettere di mangiarlo. Purtroppo quel panificio ha chiuso già da parecchi di anni ed è un pò di tempo che ho in mente di cercare di riprodurlo. In effetti non ne ho mai più mangiato di così buono, perchè era morbidissimo, leggero e dolce ma non troppo, sapeva molto di latte.
Questo è il primo tentativo, e sono già molto contenta perchè questa ricetta è semplice e molto gustosa. Rispetto all'originale, ho solo aumentato la quantità di zucchero. Non è ancora come "quel" pane, ma non mi sarei aspettata di avvicinarmi tanto!


NB nel mio girovagare in rete, tra le tante ho provato questa ricetta, ma stranamente non ho segnato da dove e non me lo ricordo, ho provato a cercarla, ma senza esito, perchè ce ne sono tantissime! Se leggendo la ricetta la riconoscete, ditemelo pure che aggiornerò il post.

500 g di farina 0
300 ml di latte tiepido
70 g di zucchero (in origine erano 30)
15 g di lievito di birra
20 g di burro fuso
1/2 cucchiaino di sale

Potete impastare a mano o nella MdP.
Sciogliete il lievito nel latte tiepido insieme allo zucchero. Mettete la farina, e cominciate a impastare con il latte, quando sarà ben amalgamato unite il sale e alla fine poco alla volta, il burro.
Dovrete ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso, perciò aggiustate di farina o latte se non vi sembra giusto.
Mettete in una ciotola e coprite, poi mettete nel forno spento con lampadina accesa e fate lievitare due ore.
Quando sarà raddoppiato, dividete l'impasto in due, ricavate un salsicciotto e da questo tagliate dei segmenti lunghi 8/10 cm. Appiattiteli delicatamente e allargateli a rettangolo, poi piegate in tre partendo dal lato verso di voi, sormontatelo con l'altro terzo e sigillate con il pollice bene la giunta. Fatelo rotolare un pochino sul piano e poi mettetelo sulla teglia ricoperta di carta da forno. Ho fatto anche delle palline allargando dei segmenti più piccoli a quadrato e mettendo nel centro un pezzo di cioccolato al latte. poi sigillate bene la giunta, che dovrà restare sotto.
Fate lievitare tutto un'altra mezz'ora e poi spennellate di latte.
Infornate a 200° statico per 15/18 minuti.


Copriteli mentre si raffreddano, così rimarranno più morbidi.





Se mettete la dose originale di zucchero, andranno benissimo anche con il salato. ......In realtà li ho imbottiti con il salmone e salsa all'aneto e andavano benissimo lo stesso....Così comunque sono buoni anche da soli come un panino leggermente dolce.

7 commenti:

  1. Wow!!! Il tuo post ricorda proprio l'esperienza di Marcel Proust con le sue Madeleines!!! Ritrovare un sapore, un aroma, un profumo ci permette di rivivere qualcosa che è stato e che resterà sempre. E'quasi un'esperienza mistica. Anche io ho dei ricordi unici legati a quel panificio, al suo pandolce e ai dei maritozzi altrettanto semplici e unici. Grazie per aver condiviso l'esperienza.Un bacio Melania

    RispondiElimina
  2. Ciao Melania! Che bello che anche tu abbia un ricordo simile! Grazie per avermelo detto! Ritrovare un ricordo magari sepolto, attraverso un profumo o un'aroma, é un'emozione sempre! Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ciao,da oggi vi seguo!!! un bacio Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Olga!! Ricambio volentieri!!
      Ciao

      Elimina
  4. la ricetta è la miaaa!!scherzooo!! magari potesi inventarmi qualcosa così! La mia dei panini al latte è molto simile e l'ho presa pari pari da GZ. I tuoi sono venuti bellissimi ma quelli ala cioccolata...ehm...JE CRAQUE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhhhssissi!!! Hai fatto centro! Quelli al cioccolato sono favolosi!!!!
      Ciao!

      Elimina
  5. Mamma mia, i panini al latte sono perfettissimi per fare i paninetti da aperitivo, con salame e cosine varie :)Grazie per avere condiviso questa ricetta, spero di poterli preparare presto!

    RispondiElimina

Post più vecchi