lunedì 1 settembre 2014

Il Panbrioche più soffice del mondo (anche senza burro)


Sabato di non-estate a casa dopo le vacanze......il sole si fa finalmente vedere ma nessuno si illude che sia una cosa seria. E' così. Mi sono così abituata a questo tempo pazzo che quando finalmente spunta un clima estivo, mi sembra strano.....
Le ricette su questo blog languono, a parte la parentesi "indiana" di luglio, di cui vedrete prima o poi le creazioni della nostra ospite. Colpa anche delle mie mani, di una sindrome da tunnel carpale che mi ha colpito in maniera improvvisa e pesante. Risultato, non riesco a fare molto, nervi a mille (in tutti i sensi), una mano operata il primo di agosto e l'altra domani!
Vi propongo quindi una ricetta che ho fatto ormai decine di volte, perchè è semplice ma eccezionale e che riesco a fare anche adesso perchè fa tutto l'impastatrice ( o almeno una macchina del pane, se l'avete).
Ricetta delle sorelle Simili, di cui non ho cambiato una virgola, tranne sostituire a poco a poco tutto il burro con una minore quantità di olio. La ricetta in realtà è dei Baicoli, famosi biscotti veneziani, ma qui da noi è stata adottata da subito come Panbrioche, senza la successiva fase che consiste nell'affettare e tostare per ottenere i biscotti.
Il Panbrioche più soffice che si possa immaginare, una nuvola e non esagero! Qualche tempo fa vidi la ricetta anche dallo Zio Piero e in effetti anche lui avvertiva della possibilità di mangiarsi tutto prima di arrivare ai famosi biscotti.....infatti.

ingredienti:
350g di lievito madre (il mio è liquido, idratazione 100%)
350g di farina 0
90g burro ( per me 60g olio di semi)
90g zucchero
130g di acqua ( per me 115)
5g di sale

Impastate tutti gli ingredienti partendo dal lievito madre e un pò dell'acqua. Aggiungeteli un pò per volta, tenendo per ultimo il sale. E' un impasto piuttosto morbido, è un pò difficile da lavorare a mano, serve almeno una macchina del pane. Bisogna impastare fino a quando l'impasto sarà ben incordato, liscissimo e lucido.
Lasciatelo riposare un'oretta, al termine , rovesciate l'impasto su un piano leggermente infarinato, dividete con una spatola in quattro parti e con le mani leggermente unte, date vagamente a ogni porzione una forma rettangolare e arrotolate a salsicciotto premendo delicatamente. Disporre le quattro porzioni alternate su una teglia. Lieviteranno moltissimo, e cresceranno anche in cottura, perciò la prima volta magari metteteli su due teglie, così prendete bene confidenza con le dimensioni. Lasciate lievitare tutta la notte in forno spento e il mattino rimarrete a bocca aperta! Toglietele, scaldate il forno a 180° statico e infornate per 25/30 minuti.
Come vi ho detto, ho sostituito il burro con l'olio, anche se in realtà non era molto, ma con il colesterolo che ho, così lo mangio con più serenità. E poi devo dire che non ne risentono affatto! Sono favolosi!!!!!
L'ho già detto?? :-D


si vede quanto sono soffici?????






In questa foto vedete anche l versione panini. Perfetti da mangiare così o farciti o anche per gli hamburger, se togliete la metà dello zucchero dall'impasto.

martedì 8 luglio 2014

Insalata molto estiva con pollo e pesca


Questo post è fuori luogo in una giornata come questa....insalata estiva?....ma dov'è l'estate????
Ho sbagliato i tempi, perchè vi assicuro che nei 10 giorni di caldo torrido che hanno preceduto questo pseudo-arrivo-dell'autunno, ho fatto questo piattino praticamente tutti i giorni, con poche varianti.
Che cos'ha di speciale? La pesca, che regala uno squisito profumo e una sensazione leggermente agrodolce che ben si sposa con la giardiniera e con il pollo.
Certo, guardando i nuvoloni fuori rimpiango proprio di non essere riuscita a scriverlo prima, questo post, ma insomma.....provate a farla appena ci sarà una temperatura degna della stagione, forse vi stupirà, come ha stupito me!

Ingredienti per 2 persone:
insalatina tipo misticanza o altro
giardiniera agrodolce ( se non l'avete è l'occasione buona per farla!)
mais
una pesca piuttosto acerba
un petto di pollo
aceto balsamico di quello buono
olio evo, sale

Dividete il petto di pollo in due e battetelo con un pestacarne tra due fogli di carta da forno per renderlo più omogeneo di spessore ( 2 o 3 centimetri). cospargetelo con un trito di erbe a piacere, sale e pepe e mettetelo in una pentola tipo bistecchiera solo unta d'olio, in modo da abbrustolirlo ben bene, poi abbassate il fuoco e continuate la cottura per circa 15/20 minuti. Lasciatelo riposare qualche minuto, poi tagliatelo a fettine, vedrete che sarà croccante fuori e morbido e succoso dentro. Se volete una cottura più veloce cuocetelo già tagliato a fette, ma in questo modo sarà un pochino più asciutto.....lasciatelo intiepidire e poi tagliatelo a striscioline.
Unite tutti gli ingredienti dell'insalata compresa la pesca tagliata a fettine sottili e il pollo.
Condite con olio e sale e aceto balsamico denso e profumatissimo.
Gustatevela, a me è piaciuta tantissimo.

mercoledì 28 maggio 2014

Granola bars....alleggerite


Non ci posso credere....quasi due mesi di assenza......magari non se n'è accorto nessuno!! :-)
Stranamente in un periodo in cui il lavoro ufficiale comincia a scarseggiare, il daffare è molto di più.....si cercano attività alternative e la cosa risulta interessante. Quindi la cucina va un pò a rilento ultimamente, è vero, ma ricette ne abbiamo provate, solo che è proprio mancato il tempo da dedicare al blog. 
Sto scrivendo con un temporalone in agguato.....mi piace il cielo nero e l'attesa dell'inizio, ma devo recuperare Truffe perché è terrorizzato dai tuoni! Sto divagando, veniamo alla ricetta.
Le barrette energetiche non lo sono poi tanto perché dopo tante prove ho tagliato sugli ingredienti più calorici, che però servono a tenerle insieme....ho calcolato che con questa dose mi vengono circa 25/28 barrette da 80/100 calorie l'una. Non è pochissimo, ma come colazione sono perfette con dello yogurt e caffè o thè, o per merenda,  poi se dovete mangiare fuori al volo, una paio di queste con un frutto o due, danno soddisfazione e vi fanno sentire quasi....sazie. Quasi. 
Comunque è un piacere sgranocchiarle e non ci sono sensi di colpa.

Ingredienti:
250g di fiocchi di cereali ( io ho usato: avena, riso e 6 cereali misti)
75g semi di zucca 
75g tra mandorle e nocciole tritate
Qualche pezzetto di frutta secca (nel senso di disidratata) tipo 4 o 5 albicocche tagliate a pezzetti piccoli.
130g di miele (io ne ho usato un tipo denso)
65/70g di Tahine (pasta di sesamo) ma potete usare anche pasta di datteri o burro

Mettete tutti i fiocchi di cereali in forno a 150° a tostare 10 minuti. Gli ultimi due o tre minuti aggiungete i semi di zucca e le mandorle/nocciole tritate.
Intanto mettete il miele con la pasta di sesamo ( la trovate nei negozi bio) a sciogliere a fuoco dolce, mescolando ogni tanto per non far bruciare il tutto ( ve lo dico perchè l'ho fatto!) Appena vedete la prima bolla, spegnete.
Raccogliete i cereali in una marmitta, versate sopra il composto liquido e caldo e poi la frutta a pezzettini.
Mescolate molto bene, perchè il liquido è poco rispetto alla quantità dei componenti solidi, si devono mischiare per bene in modo che possano compattarsi poi.
Versate il composto appiccicoso in una teglia da forno diciamo di 30 x 30 cm circa ( poi dipende dallo spessore che volete ottenere, io circa 1,5 cm ) e compattatela molto bene con una spatola.
Infornate a 170° per 20/25 minuti, devono dorarsi appena appena, poi sfornateli e lasciateli raffreddare completamente prima di toglierli dalla teglia ed affettarli. Appena uscito dal forno, il composto sarà ancora morbido e vi sembrerà che mai potrà solidificarsi, ma non è così, raffreddandosi, sarà compatto.
Tagliate le barrette e conservatele in una scatola di latta o un vaso di vetro ben chiuso.





Post più vecchi