lunedì 9 maggio 2011

Il Panforte


Vi ricordate i canditi fatti con il cedro qui? Volevo fare il Panforte per Pasqua ed eccolo qui! La ricetta l'ho vista a Natale da Tuki e sono rimasta incantata....Non pensavo fosse una cosa fattibile, e senza troppe complicazioni e invece.....ed è infinitamente più buono di quello comprato già fatto.
Naturalmente come tutte le cose, molto dipende dagli ingredienti che devono essere di ottima qualità. Ecco, e poi... i canditi: lo so che farli è un pò laborioso, non complicato ma lungo sì, non posso negarlo. Però questo dolce è pieno di canditi, e farlo con quelli "finti" che si trovano nei supermercati...beh, è un'altra cosa!!
Una volta, almeno durante le feste, si trovavano quelli un pò più grandi e morbidi, ma quest'anno non li ho visti. Se non avete voglia di cimentarvi coi canditi, forse si può provare a usare la frutta disidratata, almeno è più morbida e soprattutto....si riconosce che frutto è!!

Ingredienti:
( ho fatto solo qualche modifica rispetto all'originale, soprattutto non ho usato l'impasto per i ricciarelli che usa Tuki, non ce la facevo a fare anche quello  :-((   , e ho provato con semplice farina di mandorle, però il risultato è stato davvero soddisfacente lo stesso!!)

250g di zucchero
1 cucchiaio abbondante di miele
80g di acqua
300g di mandorle ( io non le ho pelate)
300g di cedro candito home made
50 g di albicocche secche
100g di farina di mandorle
120g di farina 00
una stecca di vaniglia
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di zenzero in polvere
una grattatina di noce moscata
una punta di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
Ostie
zucchero al velo

Mettere lo zucchero il miele e l'acqua in un pentolino e far sciogliere tutto bene, quando è diventato uno sciroppo togliere dal fuoco, aggiungere tutti i canditi e mescolare bene. Portare a bollore e lasciar bollire circa 3 minuti, poi spegnere e cominciare ad aggiungere le mandorle, le spezie, la farina di mandorle  e la farina 00. Mescolare continuamente anche se sarà un impasto un pò duro.


Versare l'impasto caldo su un tagliere e aiutandosi con un poco di farina mista a zucchero lavorarlo un pochino. Poi dividerlo in due o tre parti a seconda delle teglie che avete. Io questa volta ho usato tre piccole teglie in ceramica di circa 12 cm di diametro. Rivestire le teglie con delle ostie o con della carta da forno e anche una strisciolina sul bordo, poi premere bene l'impasto e appiattirlo dentro la teglia. E' appiccicoso e anche molto caldo, ma dovete schiacciarlo bene e livellarlo come potete, poi cospargetelo di zucchero al velo.
Cuocere in forno circa 20/25 minuti a 150 gradi.



Lasciarlo raffreddere bene prima di gustarlo.
E' buono buonissimo e bellissimo anche da regalare!!


5 commenti:

  1. Ma che brave!!! il panforte!! lo adoro e, fatto in casa, mi sa che lo adorerei di più.

    RispondiElimina
  2. @giovanna: Una come te non può farselo scappare! devi provarlo! ....magari ora lo archivio per il prossimo Natale, ma di sicuro sarà tra i regali "mangerecci" !!

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia! Mi ricorda il Natale, l'infanzia, il sapore dei canditi che mi piacevano tanto.
    Complimenti per il blog, mi piace molto.

    A presto!

    Giovanna

    RispondiElimina
  4. Che buono il panforte! Mi e` sempre piaciuto tanto, ogni tanto faccio una cosa simile ma senza farina e senza cuocere in forno e soprattutto senza cedro che qui non c'e`, ma senza cedro che panforte sarebbe? Ecco le mie difficolta` nel visitare i blog italiani pieni di leccornie note ma impossibili da ricreare. Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Hola Soy Veronica de la Ciudad de Mexico, hace 2 años fui a Italia, y una querida amiga nos invito a cenar a su casa en Florencia, la cena fue un verdadero agazajo, comi tanto que apenas le di una provadita al postre, era un panforte, y el resto me lo lleve para comerlo al dia siguiente, Dios mio!!! que cosa tan deliciosa. Y cada vez que me acuerdo de ese postre quisiera volver a comerlo, pero es dificil ir a Florencia tantas veces, asi que busque la receta y la he hecho, prepare el cedro made at home, y despues cuando elabore el pastel, fue una verdadera revelacion, al sentir como explotaban todos los sabores desde el cedro y las especies. muchas Gracias, estoy feliz

    RispondiElimina

Post più vecchi